Sei qui: >> Le attivitą >> Anno 2006 >> Premiazioni borse di studio

Premiazioni borse di studio 2006

PREMIAZIONE CONCORSO PER TESI SULLO SVILUPPO SOSTENIBILE BANDITO DALLA ASSOCIAZIONE GABRIELE BORTOLOZZO

Edizione 2006

Il giorno sabato 27 maggio 2006 alle ore 14,30 nella sala convegni dell’isola di S.Servolo a Venezia, alla presenza delle autorità pubbliche verranno consegnati i due premi da 750 euro ciascuno alle due tesi risultate vincitrici del concorso sul tema dello sviluppo sostenibile bandito dalla Associazione G.Bortolozzo  con il patrocinio dello Assessorato alle politiche ambientali della Provincia di Venezia. La premiazione avverrà nell’ambito di una giornata, organizzata da varie associazioni tra cui la Associazione Bortolozzo, dedicata alle patologie da amianto e al futuro di Porto Marghera.


Il concorso è stato voluto per ricordare la figura di Gabriele Bortolozzo e le sue iniziative nei settori dell’alimentazione, della difesa della salute, della tutela dell’ambiente e del lavoro sicuro, iniziative unificate da una visione complessiva di rispetto del rapporto uomo- ambiente.


La premiazione cade a pochi giorni dalla sentenza definitiva della Cassazione che chiude il percorso processuale avviato da Gabriele Bortolozzo nel 1994 con l’esposto contenente l’elenco dei suoi compagni di lavoro morti di tumore correlabile all’esposizione a CVM. La sentenza definitiva moralmente dà ragione a Gabriele con la condanna dei dirigenti Montedison che sapevano della pericolosità del prodotto utilizzato, dopo la scandalosa sentenza assolutoria del 2 novembre 2001 e quella del 15 dicembre 2004  della Corte d’appello che ribaltava l’esito di primo grado.


Il premio intende sollecitare le università del Veneto a proporre agli studenti studi e ricerche in settori nuovi per creare i presupposti di un domani migliore alla luce di una prevenzione e di una programmazione che evitino gli errori di ieri che oggi paghiamo pesantemente e condizionano il nostro futuro ( consumo di risorse non rinnovabili, sfruttamento di acque , aria e suolo, uso sfrenato di mezzi di trasporto privati, uso di tecnologie come quelle elettromagnetiche o le biotecnologie , non ancora testate per gli effetti a lungo termine, ecc).
Il premio che è alla settima edizione, verrà bandito anche nei prossimi anni per continuare ad essere una presenza continua nel panorama culturale mestrino, un appuntamento per guardare il futuro in modo più roseo.

L’allargamento del bando di concorso alle università venete ha portato a 22 i concorrenti in gara quest’anno. Le tematiche affrontate dalle tesi sono le più disparate dalla agricoltura biologica alla morte operaia a Marghera, dalle reti ecologiche nel Veneto al business delle serenate in gondola, dallo studio di macchine di movimento terra alle proposte di ottimizzazione di Agenda 21 e certificazioni ambientali, dalla progettazione di parchi all’uso dei fondi europei. Ricordiamo che tutte le tesi, come per i 6 anni precedenti, verranno messe a disposizione del pubblico nel Centro di Educazione Ambientale della Provincia di Venezia a Mestre perché diventino patrimonio comune e spunto per ulteriori ricerche di settore.


Questa ampia gamma di tematiche rispecchia appieno la molteplicità di interessi di Gabriele Bortolozzo e dell’Associazione nata per proseguire i suoi impegni ideali.
La giuria si è trovata di fronte a forti difficoltà nel conferire i due premi e avrebbe voluto poter disporre di molti più fondi per premiare le numerose ottime tesi presentate. Al termine della selezione ha deciso di conferire :

Una MENZIONE SPECIALE  alla  dottsa Tecla Soave che al corso di Scienze Ambientali  dell’universita’ di Ca Foscari di Venezia ha presentato la tesi : “Il paesaggio e il territorio montano veneto : strategia di pianificazione e gestione ambientale per la sostenibilità integrata. "

I premiati e le tesi

Un PREMIO  alla tesi della dott.ssa Stefanie Taylor della Facoltà di Scienze della formazione dell’università di Padova dal titolo “Compagnie petrolifere e comunità indigene nella Amazzonia ecuadoriana. Il caso della Chevron Texano”

Motivazione:
La tesi, frutto di una esperienza diretta  in sudamerica, ci ricorda in modo diretto e documentato i disastri sociali e ambientali che lo sfruttamento del petrolio porta nei paesi ricchi di materie prime, preziose per far continuare a girare il motore della nostra società sviluppata. L’attenta analisi degli attori coinvolti e delle organizzazioni nazionali e internazionali fino all’avvio di un processo contro la ChevronTexaco promosso dalle popolazioni indigene e dalle associazioni ambientalista ricorda le lotte italiane dei siti come Marghera, Priolo, Mantova, Brindisi. L’opera ci ricorda che il movimento per i diritti dell’ambiente e della tutela della salute ha respiro mondiale e fatti come quelli ecuadoregni vanno evidenziati perché siano evitati e prevenuti in altri luoghi del mondo per non dover sempre inseguire con risarcimenti e bonifiche danni dimostrati e dolorosamente pagati da lavoratori e popolazioni locali

Un PREMIO alla tesi del dott. Eros Piovesan della facoltà di Architettura dello IUAV di Venezia dal titolo “Terra, bambu’, paglia, carta, ghiaccio. Costruire ed innovare con la natura in tema di sostenibilità”

Motivazione:
Il premio viene conferito per l’originalità degli argomenti sviluppati e per la ricca documentazione di casi applicati di strutture architettoniche funzionali nei materiali costruttivi naturali e trascurati dalla nostra società opulenta. In termini scientifici vengono affrontati la definizione di sostenibilità in architettura e le caratteristiche meccaniche dei manufatti realizzabili con vari materiali naturali che non devono venir visti come curiosità o mero patrimonio di società terzomondiali povere, ma reali possibili alternative in determinate condizioni climatiche e geografiche. Ricerche come queste sanno aprire orizzonti nuovi ai progettisti di strutture edili, che speriamo siano seguite per trovare alternative al devastante cemento armato che ha sommerso la nostra pianura veneta.

 

Le Tesi premiate sono state illustrate dagli autori nel corso della cerimonia di premiazione.

Vedi le foto dei premiati e premiazione