Sei qui: >> Gabriele

Gabrile Bortolozzo

Gabriele Bortolozzo nasce a Campalto-Venezia il 29-9-1934. E' entrato al Petrolchimico il 16/01/1956. E’ andato in pensione nel 1990. E’ stato obiettore di coscienza alle lavorazioni chimiche riconosciute cancerogene. Ha lavorato col gruppo di SMOG E DINTORNI dal tempi della fondazione fino ai primi anni ‘80. Ha collaborato con le riviste AAM Terra Nuova, Tam Tarn Verde, Tera e Aqua. Nel 1982 è stato tra i fondatori della cooperativa Tra Terra e Acqua, per il recupero ad uso civile dei forti della Terraferma e del territorio veneziano. Ha aderito al Movimento Consumatori fin dai primi tempi, con fattiva partecipazione all'attività. Ha organizzato gite in bicicletta sul territorio veneto col Gruppo Ciclobotanico e poi, dal 1988, col gruppo Amici della Bici di Mogliano Veneto (ora Amici di Gabriele Bortolozzo). Dal 1990 al 1994 è stato di supporto al gruppo provinciale Verde tenendo i contatti con i gruppi ambientalistici come Greenpeace e Medicina Democratica. E’ stato il referente locale di Medicina Democratica dal 1985 in poi, organizzando iniziative, sottoscrivendo decine di esposti e denunce e collaborando come autore di diversi dossier su problemi ecologici. Ha collaborato col gruppo di controinformazione sulla chimica Coorlach e col sindacato autonomo ALCA dal 1988 al 1994. Ha presentato numerose denuncie alla Magistratura su temi ambientali ed è stato l'iniziatore della campagna contro lo scarico in Adriatico dei fanghi Montedison. Ha sollevato, per primo in Italia, il problema dello stoccaggio, spedizione all'estero, smaltimento e occultamento dei fusti tossici e nocivi. Nel 1994 ha pubblicato su Medicina Democratica un dettagliato dossier sulle morti e malattie da CVM al Petrolchimico di Porto Marghera. Nello stesso anno ha presentato un esposto al PM Casson, il quale ha dato il via alle indagini che hanno portato al processo contro i dirigenti Montedison ed Enichem. E’ deceduto il 12-9-1995 a Mogliano Veneto-TV, in seguito ad incidente stradale.