Sei qui: > Bibliografia diario incidenti >> Incidenti anno 1991

SEGUE DIARIO DI INCIDENTI, FUORI SERVIZI E COSE VARIE ACCADUTE AL PETROLCHIMICO DI P.MARGHERA

ANNO 1991

15/02/91
Spargimento di acido cloridrico da un foro su un'autobotte.
20/02/91
Controllo da parte del Magistrato alle Acque sullo scarico n0 15/16 della Monteco (prelievo n05 15), i parametri superano i limiti fissati dal DPR 962/73 per i valori dei fosfati e degli idrocarburi aromatici.
07/03/91
Controllo da parte del Magistrato alle Acque su scarico n0 15/16 della Monteco (prelievo n° 564 bis) i parametri superano i limiti stabiliti dal DPR 962/73 per valori: CDO e BODS. In circa due mesi vengono fatti 4 controlli, due (quelli riportati) evidenziano un cattivo funzionamento dell’impianto altri due danno esito positivo; il quadro non risulta essere esaltante tenendo conto della mole enorme delle acque trattate pari a 11 milioni di metri cubi anno.
07/03/91
In Pretura a Venezia inizia il processo per lo scarico a mare dei fanghi inquinati dei canali industriali, contro trasportatore, responsabile del PMP dell’ULSS e responsabile del Ministero della Marina Mercantile. In quell'occasione l’Agenzia d’informazione COORLACH, Greenpeace e Verdi Provinciali presentano al giudice un dossier nel quale si evidenziano i veri responsabili dello stato di inquinamento della laguna, le industrie che hanno scaricato a piene mani qualsiasi tipo di inquinante. Il dossier riporta documenti della Montedison nei quali si dichiarano le quantità di inquinanti scaricati e altri dai quali si evidenzia la possibilità che gli inquinanti entrino nella catena alimentare dell'uomo.
15/03/91
Spargimento su piazzale interno n0 6 di tetramero di propilene da un'autobotte.
21/03/91
Viene segnalata chiazza oleosa sul canale industriale all’altezza della banchina 1. Intervengono i vigili del fuoco interni.
Inizio Giugno 91
In pochi giorni si verificano due incidenti:
Il primo avviene all’interno del magazzino PVC, un operaio dell’impresa Transped, mentre stava pulendo un macchinarlo perde tre dita.
Il secondo, durante lavori di manutenzione in banchina, vede coinvolto un lavoratore della manutenzione che, colpito da un carico riporta la frattura di un braccio.
15/06/91
Incidente al laboratorio FO-FR; uno dei capi del laboratorio manipolando una bottiglia di acido fluoridrico viene investito da alcuni schizzi di questa sostanza estremamente pericolosa. Solo l'esperienza dell'infortunato evita più gravi conseguenze. All'ospedale di Padova gli vengono fatte alcune fleboclisi contenenti l’antidoto per fermare la corrosione dell'acido.
02/08/91
Incidente presso il reparto CV23 che produce CVM. Un operaio mentre si stavano facendo lavori di manutenzione ad un serbatoio di reparto appena bonificato con azoto, entra a contatto con il gas. Perde immediatamente i sensi e cade all'interno del serbatoio. Viene ricoverato in stato di coma all’ospedale; alcuni giorni dopo le sue condizioni iniziano a migliorare.
09/08/91
Cedimento strutturale di un serbatoio. Presso il Parco Serbatoi Sud un serbatoio di acido cloridrico improvvisamente ha ceduto, si è aperta una grossa falla dalla quale sono uscite alcune migliaia di litri di acido cloridrico che e andato a finire nel bacino di contenimento del serbatoio. Grande lavorio delle squadre di emergenza per recuperare e neutralizzare l'acido fuoriuscito.
09/08/91
Un operalo d'impresa perde un dito lavorando nell'officina del cantiere.
09/08/91
Un lavoratore che sta facendo lavori di manutenzione viene investito da una vera e propria doccia di soda soluzione.
12/08/91
Fuoriservizio al CR con le solite alte fiamme e fumo dai camini che preoccupano cittadini di Marghera e Malcontenta, viene anticipata la manutenzione programmata perché ci si accorge che c’è una incrinatura su una tubazione che porta fuori dai forni di frammentazione etilene.
19/8/91
Viene presentato un nuovo dossier dell’Agenzia d’informazione COORLACH sul traffico dei rifiuti tossici, nel dossier emerge chiaramente che il Petrolchimico di Porto Marghera ha avuto un ruolo non indifferente sia nell'esportare all'estero rifiuti tossici, ma anche come luogo nel quale confluiscono rifiuti da tutta Italia per essere inceneriti o trattati.